ARANCINO CLASSICO DI FAMIGLIA

CARNE E PISELLI

Gli arancini sono un mondo a parte: forme e ripieni variano con fantasia fondendosi con gli ingredienti base tradizionali. L’arancino è uno scrigno dorato che solo quando morderete saprete cosa contiene. Penso che ogni famiglia siciliana, e non solo, abbia la sua ricetta: a me hanno tramandato questa …inutile dire che è la mia preferita!

Tempo totale: 2 hours

Porzioni: 2

Per Serving 222 calories

Fat 9 g

Carbs 26 g

Protein 15 g

2


la difficoltà è di preparazione medio-alta

Ingredienti

arancini_carne_piselli_foto_01_ingredienti1) Iniziate con la preparazione del ragù che dovrà cuocere per almeno 45 minuti. Sminuzzate la carota, la cipolla e il gambo di sedano e metteteli in un tegame con l’olio di oliva extravergine.

2) Mentre il battuto per il ragù cuoce lavate il riso tre o quattro volte con acqua fredda e mettetelo sul fuoco con 4 bicchieri di acqua fredda e un pizzico di sale. Dopo 15 minuti il riso sarà cotto. Scolatelo bene e ponetelo in una ampia scodella. Aggiungete il pecorino e il parmigiano grattugiato e mescolate bene.

arancini_carne_piselli_foto_02_basePoi su un ampio vassoio o su un piano di marmo allargate il riso amalgamato con i formaggi in modo che si raffreddi.

3) Torniamo al ragù: dopo che il battuto è cotto aggiungete la carne macinata con un pizzico di sale e di pepe nero. Mescolate e quando la carne avrà assorbito la propria acqua aggiungete un quarto di bicchiere di vino bianco. Lasciate sfumare il vino per 10 minuti.

arancini_carne_piselli_foto_03_raguA questo punto mettete 300 ml.di litro di passata di pomodoro con mezzo bicchiere d’acqua e lasciate cuocere su un fornello medio a fuoco basso. Coprite il tegame con il coperchio e ogni tanto mescolate il ragù.

4) Nel frattempo in una piccola padella fate soffriggere un quarto di cipolla, levatela a cottura raggiunta e aggiungete i piselli con poco sale e due dita d’acqua. Saranno pronti in 15 minuti.

5) Dal caciocavallo fresco tagliate 8 cubetti grandi poco più di un centimetro: saranno il cuore degli arancini.

arancini_carne_piselli_foto_04_cacio6) Quando il ragù sarà cotto scolate il sugo usando uno scolapasta recuperando il sugo stesso. Aiutatevi con la pressione di un cucchiaio di legno per rendere il ragù più asciutto possibile. Con metà sugo condite il riso in un ampio recipiente. Il riso deve mantenersi asciutto anche se condito col sugo.

7) Ed ora, con tutti gli ingredienti pronti, potete cominciare a fare gli arancini. Riso condito, due uova, pangrattato, ragù, piselli e i cubetti di caciocavallo fresco.

arancini_carne_piselli_foto_05_base8) Nel palmo della mano mettete una cucchiaiata di riso. La mano sarà a coppa. Al centro del riso, con un cucchiaino, mettete il ragù, dopo i piselli e il cubetto di caciocavallo.

arancini_carne_piselli_foto_06_comeStringete leggermente la mano e aggiungete un mezzo cucchiaino di ragù e coprite il tutto con il riso. Con l’altra mano premete con delicatezza e fate rotolare tra i palmi l’arancino dandogli la forma rotonda. Se notate dall’esterno uno degli ingredienti della farcitura copritelo con un poco di riso. Continuate ad arrotondare con cura l’arancino facendo una leggera pressione. Questa fase è molto importante. Se non sono ben compatti gli arancini si apriranno durante la cottura.

arancini_carne_piselli_foto_07_palla19) Siete alla battute finali finalmente! Gli arancini ora vanno passati nelle uova sbattute e poi nel pane grattato che dovrà aderire su tutta la superficie dell’arancino con un po’ di pressione delle mani.

arancini_carne_piselli_foto_08_palla210) Eccoci al momento della frittura: vi consiglio di usare una pentola medio/piccola e non una padella. A occhio sceglietene una che possa contenere al massimo quattro arancini. Su un fornello piccolo a fiamma vivace mettete la pentola con non più di tre dita di olio di semi e attendete che la temperatura sia giusta usando l’intramontabile trucco dello stuzzicadenti. Poi con l’aiuto di una paletta da fritto appoggiate delicatamente gli arancini nell’olio caldo.

arancini_carne_piselli_foto_09_friggo11) Dopo 2 minuti girateli leggermente con la paletta e dopo altri 3 minuti levateli dall’olio e asciugateli bene con della carta da cucina.Fatto!

Ehi aspettate qualche minuto prima di mangiarli sennò vi bruciate la lingua! Aprite le scrigno dorato e godetevi il suo sapore: se sentite dentro di voi nascere un “che buono!” l’obiettivo è stato raggiunto.

Carmen Arancino